Ambiente e Salute

p>osservazione alla variante n.12 al Piano degli Interventi "

riportiamo di seguito la lettera inviata dal Presidente di Italia Nostra sezione di Treviso
link fonte: Italia Nostra Sezione di Treviso

 

Al Signor Sindaco
del Comune di PIEVE DI SOLIGO

Oggetto: osservazione alla variante n.12 al Piano degli Interventi. Condivisione.

La nostra associazione ha esaminato nel dettaglio la variante n.12 del Piano degli Interventi e ne ha apprezzato la completezza ed alcune questioni fortemente innovative, che ci auguriamo vengano approvate senza troppo modifiche e facciano da esempio per i Comuni circostanti.
La questione piﺃ٩ ﻗ°innovativaﻗ°ﻻ e che, certamente susciterﺃ  discussioni, ﺃﺎ quella della disciplina che tende a regolamentare l'impianto e la realizzazione di vigneti nel Comune, dato che questa attivitﺃ  ﺃﺎ diventata prioritaria, se non esclusiva dell'agricoltura della zona.

La questione riguarda principalmente due questioni non eludibili e prioritarie rispetto a qualsiasi altro valore:

    l'art.32 della Costituzione Italiana che salvaguarda la salute dei Cittadini come bene assoluto e prioritario
    la conservazione della biodiversitﺃ , che viene minacciata in modo non trascurabile dal boom della produzione del prosecco e soprattutto dagli enormi margini di guadagno che ci sono.

Non vogliamo certamente agricoltori ﻗ°poveriﻗ°ﻻ, ma ricordiamo che il territorio ﺃﺎ una risorsa finita e non rinnovabile, che va preservata con oculatezza, per cui ﺃﺎ interesse anche dei Consorzi di Tutela del Prosecco avviare una vera riconversione del loro prodotto verso scenari piﺃ٩ ecologicamente compatibili, come ha detto recentemente al Vinitaly il Presidente della Regione, Luca Zaia. E questo non ﺃﺎ possibile introducendo piante geneticamente modificate o riducendo solo qualche prodotto fito-sanitario tossico.

Siamo pertanto estremamente favorevoli e sosteniamo la scelta della Sua Amministrazione di garantire della fasce di rispetto per i nuovi impianti di vigneto, in modo che sia garantita una fascia di protezione della salute dei Cittadini, che giﺃ  oggi, in molti, si lamentano dell'impossibilitﺃ  di vivere in collina durante i periodi dei trattamenti.

L'introduzione di fasce di rispetto insieme con l'obbligo di formazione di fasce boscate e siepi rientra proprio nel concetto di garantire un minimo di biodiversitﺃ , di cui, in primis, erano proprio gli agricoltori a preoccuparsi un tempo, visto che la presenza di piccoli uccelli e insetti, era segnale di vita e vitalitﺃ  della terra e non di un terreno ﻗ°disinfettatoﻗ°ﻻ.

I consumatori diventeranno sempre piﺃ٩ consapevoli e quindi bene fa il Comune di Pieve di Soligo ad avviare questa strada, che ﺃﺎ l'unica che porterﺃ  ad una ricchezza consolidata per agricoltori e cittadini e non ad uno sfruttamento veloce, cieco e poi al ﻗ° deserto.

Riteniamo che gli attuali Regolamenti di Polizia Rurale ed i metodi tecnologici per contenere la ﻗ°derivaﻗ°ﻻ dei prodotti ammendanti non sia sufficiente, perchﺃﺏ troppo spesso il controllore ﺃﺎ troppo vicino al controllato e quindi c'ﺃﺎ una grande difficoltﺃ  ad applicare sanzioni.. tra parenti! E' noto che molto spesso si preferisce non vedere, ma il corpo dei cittadini di Pieve ne risente... e non sarﺃ  bello pentirsene tra 10-20 anni...

L'obbligo di mantenere delle distanze, di avere fasce boscate e siepe garantirﺃ  un evidente miglioramento delle caratteristiche anche paesaggistiche delle nostre colline, che oggi sono caratterizzate da una monotonia uniforme, degna delle coltivazioni dei piani quinquennali sovietici.
Pare strano che la caratteristica individualitﺃ  e laboriositﺃ  del popolo veneto trovi ﻗ°sollievoﻗ°ﻻ in un paesaggio ﻗ°uniformeﻗ°ﻻ come quello del ﻗ°tutto vignaﻗ°ﻻ, salvo che non si dica che le siepi ed il bosco non rendono nulla e costano solo lavoro. Emergerebbe in questo caso una visione miope della viticoltura veneta, dove tutto deve essere sottomesso ai ﻗ°SCHEIﻗ°ﻻ, ma non crediamo che questo sia l'auspicio del Consorzio di Tutela del Prosecco nﺃﺏ delle Associazioni degli Agricoltori.

Richiediamo pertanto che la normativa relativa alla variante n.12 sia mantenuta ed approvata in Consiglio Comunale con i necessari aggiustamenti per i piccoli casi, che potrebbero essere penalizzati, ma mantenendo lo spirito della normativa per cui la salute, il territorio e la loro conservazione vengono prima (molto prima) degli utili.

Una simile normativa garantirﺃ  una vera compatibilitﺃ  della monocoltura ﻗ°gleraﻗ°ﻻ come cerca di fare anche il Consorzio di Tutela del Prosecco, evitando l'esplosione di fenomeni di contestazione e/o costose analisi epidemiologiche, che giﺃ  alcune parti richiedono.
Un territorio cresce, se crescono tutti e..... soprattutto se ci si ammala meno.

Distinti saluti e buon lavoro.

Treviso, 16 aprile 2017
p.ITALIA NOSTRA Treviso
il presidente
Romeo Scarpa

"